Sentiero delle 12 fontane di Piuzzo - Anello alto - Segnavia 220; 221; 200

L’anello parte da Piuzzo, tipico paese dell’alto Appennino. In paese si trova anche un agriturismo (Alta Valle) dove si mangia molto bene. Cominciamo a camminare su una vecchia mulattiera per Cosola seguendo il segnavia 221. Dopo poco arriviamo alla prima fontana “del Puettu” (955 m s.l.m.). Oltrepassata la fontana continuiamo a camminare in costa fino ad arrivare ad un bivio non molto evidente dove comincia- mo a salire fino a raggiungere il pianoro “Sòuso” (1039 m s.l.m.). Prestiamo atten- zione ai segnavia bianco rossi e rimbocchiamo il sentiero che ci porta alla fontana “Kupai” (1085 m s.l.m.). Continuiamo a salire fino a Costa Baiardo seguendo degli omini di pietra, arrivando in breve tempo alla fontana “dell’Orbio” (1180 m s.l.m.) e alle successive “Da Gure” (1165 m s.l.m.) e seguendo il segnavia 221 arriviamo alla fontana “Di Osè” (1275 m s.l.m.). Camminiamo tra aceri, cerri, querce, faggi e ca- stagni. Proseguiamo fino alla Costa delle Braglie e una volta arrivati alla cappelletta della Madonnina del Pascolo (1419 m s.l.m.) seguiamo verso valle il segnavia 221. E poi arriviamo alla fontana “De Paskuo” (1408 m s.l.m.), ai prati nei pressi della Malga di Costa Rivazza ai piedi della dorsale del Monte Ebro per poi raggiungere la fontana “Burdelè” (1293 m s.l.m.). Proseguiamo sulla carrareccia che porta a Piuzzo seguendo il 220 (incontrato in discesa) e arriviamo alla selva di Teo dove si trova la fontana “Du Lavagè” (1107 m s.l.m.) e successivamente la fontana “Du Tronku” (925 m s.l.m.). Continuiamo a seguire il 220 e arriviamo nuovamente a Piuzzo.


Il percorso in breve

Difficoltà E
Lunghezza 12,5 km
Tempo di percorrenza 4,30 h

Dislivello +665/-667

Path of the 12 fountains of Piuzzo - High loop - Marker 220; 221; 200

 

The remaining fountains included in the Path of the 12 fountains of Piuzzo can be reached with another loop - which we will call "high" fountains - which, for convenience, we can start from the hamlet of Pobbio Superiore (mt. 1130), where we leave the car at the end of the asphalt road.

We climb the dirt track in the direction of the ridge and, having reached an evident crossroad, we keep path 220 to our right, which enters a wood advancing halfway up the right side of the Rio della Liassa. We cross the river and here we are in the pastures of the Malga di Costa Rivazza, where the Fontana de Burdèle is located (mt. 1293), already encountered during the low loop. Here we enter path 221 and, once passed in front of the Fontana de 'Paskuo (mt. 1408), we continue up to the Madonnina del Pascolo where we follow path 221 upwards.

We go up first in the beech wood and then among the meadows, then, in the locality of Ciapèta, the path turns right and crosses the southern slopes of Monte Ebro overcoming some concealed sections, reaching the isolated Fontana Valtorta (mt. 1550).

We continue by marker 221 and we soon arrive at the Bocche di Crenna pass (mt. 1553), which separates the Borbera valley from the Curone valley: here we return to path 200 and remaining on the ridge we climb to Monte Ebro (mt. 1701), then continuing towards Monte Cosfrone (mt. 1659). 

On Monte Cosfrone, we leave the main ridge to face, downhill, a secondary ridge, the one that acts as a watershed between the valleys of the Liassa and the Albirola: so we follow marker 220 which loses altitude up to the Sella del Monte Roncasso, before widening at the edge of a grove where the Fontana da Gura is located (mt. 1460). We continue to descend decisively towards Pobbio and, after passing Colle Trappola, we find the last fountain next to the path, the Fontana da Lubbia (mt.1188). We conclude the loop by returning, in a few minutes, to Pobbio Superiore.

Foto Cristiano Zanardi

Ebro.jpg